Consiglio Grande e Generale: in chiusura la sessione di marzo

Dopo il confronto mediatico tra le diverse fazioni, l’Assemblea ha trovato venerdì una sostanziale convergenza su uno dei dossier più cruciali. Approvazione quasi unanime del punto sull’Accordo con l’UE. Stessa situazione, quando si è passati al successivo Ordine del Giorno, riguardante un tema che suscita molte discussioni: il conflitto nel Medio Oriente. Nel documento – proposto da Libera, e successivamente riveduto e firmato da tutti i gruppi – si impegna la Repubblica a sostenere l’organizzazione di una Conferenza Internazionale di Pace; continuando a sostenere ogni iniziativa per porre fine immediatamente agli scontri. Ci si avvicina ora all’ultima fase di questa sessione di marzo. In programma il voto delle ultime Istanze dell’Arengo dei 6 mesi. Sono 13 in totale, su argomenti molto diversi. Chi chiede l’introduzione del ruolo del Garante Nazionale dei Diritti Umani; chi propone l’approvazione di una legge che disciplini il rimborso dei clienti bancari coinvolti in situazioni di crisi. E poi una questione spinosa: la richiesta di eliminare l’obbligo di rinunciare alla cittadinanza di origine come requisito per ottenere la cittadinanza sammarinese per naturalizzazione. 4 le Richieste in campo sanitario. Come quella che sollecita l’introduzione dell’opzione dell’anestesia epidurale per le donne in travaglio. I lavori riprenderanno domani al mattino; sono previste sedute anche nel pomeriggio e nelle ore serali. Atteso il messaggio di addio dei Capi Governo in carica Filippo Tamagnini e Gaetano Troina. Al momento, inoltre, sembra tutto tranne che certo l’ipotesi di una nuova Assemblea consiliare prima della cerimonia del I Aprile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Article

Residenze atipiche per pensionati: il fascino di San Marino e la prospettiva dopo accordo UE

Next Article

Chiusura della Sottomontana per lavori di manutenzione

Related Posts
Total
0
Share