Donna condannata a un anno di carcere per sottrazione di minore

Ieri pomeriggio in Tribunale, la sentenza di primo grado in un processo per rapimento di minori. Una signora di cittadinanza polacca è stata condannata a un anno di carcere – più, quindi dei 10 mesi richiesti dalla Procura delle Finanze – e 1 anno e mezzo di interdizione dalla potestà genitoriale, duemila euro di ammenda e il pagamento delle spese legali, oltre al risarcimento del danno da valutare in un’altra occasione.

La pena è stata sospesa eccetto per la questione riguardante la potestà genitoriale. Al centro del processo una delicata situazione familiare. La donna, dopo qualche anno di matrimonio con un imprenditore sammarinese, nel 2021, sostenendo di voler fare una visita a un genitore nel suo paese natale, ha portato con sé il figlio piccolo della coppia e da allora non è mai più tornata a San Marino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Article

Settore turistico: annunciate le strategie pluriennali

Next Article

Le nuove nomine e le vecchie criticità del settore sanitario

Related Posts
Total
0
Share