Unione Europea

San Marino entra in Spazio Europeo dell’Istruzione Superiore

Diritto di voto alla Conferenza dei Ministri per la prima volta: un traguardo storico per la Repubblica.

San Marino parteciperà attivamente alla Conferenza dei Ministri dello Spazio Europeo dell’Istruzione Superiore che si terrà la prossima settimana a Tirana. Un evento importante che segna l’ingresso a pieno titolo della Repubblica nel panorama europeo dell’istruzione superiore, con il diritto di voto al pari degli altri Stati membri.

Questo traguardo è il risultato di un lungo percorso di accreditamento, portato avanti con impegno dalla Segreteria di Stato per l’Istruzione e l’Università, in collaborazione con il Dipartimento Istruzione. Un percorso culminato in una riforma organica del sistema universitario sammarinese, concretizzata in otto decreti, tra cui quello relativo all’Istituto Multidisciplinare Sammarinese (Ims).

Obiettivo: autonomia e riconoscimento internazionale

La riforma mira a due obiettivi principali:

  • Maggiore autonomia interna: l’Università di San Marino avrà maggiore flessibilità nell’organizzazione dei suoi corsi di studio e nella gestione della sua didattica.
  • Pieno riconoscimento all’estero: i titoli di studio rilasciati dall’Ateneo sammarinese saranno automaticamente riconosciuti in tutti i Paesi dell’Unione Europea, facilitando la mobilità degli studenti e dei laureati.

Un passo avanti importante per il futuro

“Questo insieme di provvedimenti rappresenta un grande sforzo,” ha commentato il Segretario di Stato per la Cultura e l’Università, Andrea Belluzzi. “Grazie a questo impegno, il nostro sistema universitario avrà finalmente le potenzialità per svilupparsi pienamente e per affermarsi come un attore di riferimento nel panorama europeo dell’istruzione superiore.”

L’ingresso di San Marino nello Spazio Europeo dell’Istruzione Superiore è un passo avanti importante per il futuro della Repubblica. Un passo che permetterà di migliorare la qualità dell’offerta formativa, di attrarre studenti e ricercatori da tutto il mondo e di favorire l’inserimento dei laureati nel mercato del lavoro internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Article

Il problema degli sfratti ai pensionati sammarinesi

Next Article
guardia di rocca san marino

La Guardia di Rocca: 270 anni di storia al servizio del Paese

Related Posts
Total
0
Share