“San Marino: agricoltura minacciata dalla desertificazione, urgenti misure per contrastare il cambiamento climatico”

Le prospettive future non sono positive: la desertificazione, legata al cambiamento climatico, sta già avendo un impatto significativo in Italia. Il 17 giugno si è celebrata la Giornata mondiale dedicata a questo problema. Secondo i dati dell’Associazione nazionale dei consorzi di gestione del territorio, la desertificazione coinvolge circa 200 Paesi e almeno 1 miliardo di persone.

Si prevede un clima sempre più estremo, con lunghi periodi di siccità e precipitazioni violente e improvvise. L’ONU stima che più di 1 miliardo di ettari di territorio nel mondo sia già compromesso e che nel futuro 250 milioni di persone dovranno migrare a causa di questo fenomeno. Coldiretti segnala che la siccità ha già causato la perdita di 33.000 posti di lavoro nei campi del sud, in particolare in Sicilia e Puglia. Anche il nord Italia, secondo Greenpeace, sta subendo gli effetti del clima che si tropicalizza.

Anche San Marino è colpita dalla desertificazione e gli agricoltori sono preoccupati. In un territorio collinare come il Titano, i terreni non hanno il tempo di assorbire le improvvise e abbondanti piogge. Lo stesso vale per i pozzi e le falde acquifere. L’Associazione dei produttori agricoli chiede da anni la creazione di bacini per raccogliere le acque piovane, al fine di riutilizzarle per l’irrigazione e specializzarsi in nuove colture.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Article

Truffe a San Marino, UCS mette in guardia, "tecniche sempre più affinate"

Next Article

Omicidio e suicidio: Spara alla madre poi rivolge l’arma contro di sé

Related Posts
Total
0
Share