Il Partito dei Socialisti e dei Democratici chiede una “Commissione Consiliare Affari Europei” 

“Nel dibattito politico tenutosi alla Festa dell’Amicizia, il Partito dei Socialisti e dei Democratici ha proposto di istituire una Commissione Consiliare Affari Europei”.

Lo ricorda, in un comunicato, lo stesso partito politico, che aggiunge: “È una proposta realistica e innovativa. Il Segretario Gerardo Giovagnoli ha dichiarato la necessità di un cambio di passo non solo perché San Marino, per essendo fuori dall’Unione Europea, si deve comunque e sempre più adattare alla politica europea, dato che siamo parte dell’Europa geografica con i suoi scambi, le sue relazioni e le sue regole tra i 27 Stati membri inclusa la vicina Italia. Il cambio di passo è urgente anche perché il negoziato con l’Unione Europea sembra volto a una conclusione nel breve giro di un anno. A prescindere dalla puntualità delle previsioni, è comunque certa l’esigenza di questo cambio di passo nella nostra politica d’integrazione europea.

Il punto è che ormai l’Europa riguarda l’intera vita del nostro Stato e non solo gli affari esteri. Anzi, essa riguarda principalmente proprio la nostra vita sociale in tutte le sue dimensioni quotidiane come il lavoro e l’economia, l’istruzione e la cultura, il territorio e l’ambiente. Riguarda la nostra vita personale in termini di diritti e doveri e di molteplici relazioni che magari a prima vista ci sfuggono, ma sono invece concrete e reali. Noi lavoriamo ad un accordo d’associazione con l’Unione Europea proprio perché viviamo da sammarinesi con gli europei ed è questa la nostra vita.

È chiaro allora che per San Marino le questioni europee sono questioni politiche specifiche e vitali; di conseguenza lo è anche la politica d’integrazione europea. Il Consiglio Grande e Generale è un perno centrale della nostra democrazia e l’istituzione della Commissione Affari Europei permetterebbe di affrontare tutto questo al giusto livello politico, massimizzando le capacità del Parlamento e contribuendo così a massimizzare quelle dello Stato e della società: rafforzerebbe, insomma, tutta la nostra Comunità. La Commissione Affari Europei andrebbe perciò realizzata alla luce di queste specificità e della loro importanza cruciale. Più saremo capaci di vivere insieme questo momento storico valorizzando la nostra Repubblica, più lo saremo quando diventeremo uno Stato associato dell’Unione Europea”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Article

Bando del direttore socio sanitario ISS, l’USL: “Sospendere la procedura in corso” 

Next Article
gendarmeria

Due giovani sammarinesi seguite e molestate da due extracomunitari

Related Posts
Total
0
Share