gendarmeria

Due giovani sammarinesi seguite e molestate da due extracomunitari


“Non è possibile che nel 2022 una donna debba girare con un coltellino o uno spray al peperoncino in borsa. Io e la mia amica, a Rimini, siamo state vittime di molestia aggravata al limite del contatto fisico”.
Una giovane sammarinese racconta sui social la notte di terrore vissuta.

Intorno alle due di notte due uomini, mentre la ragazza e una sua amica stavano salendo in macchina per tornare a San Marino, le hanno avvicinate per poi seguirle lungo la superstrada a bordo di un Audi bianca con targa italiana

All’altezza di Cerasolo le due ragazze hanno chiamato la Gendarmeria che ha mantenuto il contatto telefonico con loro fino all’arrivo al confine di Dogana. Superato il confine di Stato, è partito l’inseguimento dell’Audi, coadiuvato dalla Polizia Civile. L’Audi però, con una repentina inversione di marcia, è tornata verso Dogana uscendo dal confine.

Intorno alle 4:00 del mattino le videocamere di sorveglianza presenti ai varchi d’ingresso della Repubblica hanno segnalato un nuovo passaggio dell’Audi in territorio, a Faetano. Le pattuglie diGendarmeria e Polizia Civile sono quindi riuscite a intercettare i due bloccandoli all’altezza del cimitero di Montegiardino: identificati uno è di nazionalità marocchina, l’altro egiziano, rispettivamente di 27 e 24 anni

Ll’egiziano aveva già a suo carico una denuncia per ingresso irregolare in territorio italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Article

Il Partito dei Socialisti e dei Democratici chiede una “Commissione Consiliare Affari Europei” 

Next Article

Daniela Angelini, sindaca di Riccione: "Indignata dalle parole di Emis Killa, sporgerò denuncia"

Related Posts
Total
0
Share